18. COSTELLAZIONI FAMILIARI DI B.HELLINGER E IPNOSI REGRESSIVA DI B.WEISS | adACQUA
image border bottom

18. COSTELLAZIONI FAMILIARI DI B.HELLINGER E IPNOSI REGRESSIVA DI B.WEISS

marzo 04, 2012  Author: admin Category: Energie Sottili MTC   0 Comments

COSTELLAZIONI FAMILIARI DI B.HELLINGER

L’approccio proposto da Hellinger ha una prospettiva sistemica in cui il singolo individuo non è importante di per sè, ma in funzione del più grande sistema cui appartiene.

Esistono tanti sistemi : il sistema sociale, familiare,aziendale, stellare, ognuno mosso da forze potenti, spesso ignorate da ciascun individuo, che si ritiene il solo apparente responsabile del suo agire. Il metodo delle Costellazioni sistemiche, con semplicità, lascia riconoscere i conflitti, le tensioni, i conflitti, le tensioni, gli irretimenti che bloccano e condizionano i raporti all’interno dei sistemi.Certi processi destinati a restare nascosti e ad agire nell’inconscio vengono resi consapevoli, ristabilendo il contatto con le forze con le forze vitali delle origini e gli Ordini dell’Amore che creano l’appartenenza dei membri al gruppo e garantiscono la sopravvivenza dei soggetti.

Le dinamiche relazionali tra i membri di un nucleo familiare sono complesse e la loro logica rimane al di sotto o al di fuori del livello del singolo individuo.

Accade che inconsciamente vengano attribuiti ad alcuni membri della famiglia ruoli, aspettative o responsabilità che provocano conflitti, squilibri, malattie e a volte morti premature.Tali dinamiche inconsce causano sofferenza nelle relazioni affettive, in ambito professionale, nel rapporto col denaro e con la salute.

Mettendo in scena le Costellazioni familiari si possono portare alla luce e sciogliere irretimenti, legami, connessioni che vengono trasmessi di generazione in generazione e che sono causa di insuccessi e problemi di vario genere. Eventi traumatici come l’esclusione, l’abbandono, la mancanza di memoriadi un membro della famiglia pesa nel destino delle generazioni successive fino a quando non viene in qualche modo reintegrato e ritorni ad avere un posto nel nucleo di appartenenza (ad esempio un fratello o un fidanzato scomparso in guerra, un genitore morto per incidente, un aborto, una morte per parto).Accade che un altro membro della famiglia della generazione successiva prenda inconsapevolmente il posto di chi è stato escluso e ne imiti il destino manifestando le sue emozioni e i suoi sintomi o cerchi di seguirlo nella morte.Se un progenitore non si è non si è assunto la sua responsabilità per una colpa grave, un discendente potrebbe assumersi inconsciamente l’onere di espiarla, al prezzo di malattie, infelicità, insuccessi nella vita.

Con la messa in scena delle Costellazioni familiari vengono portate alla luce le dinamiche nascoste che tengono strettamente legati al nostro nucleo familiare e che ci condizionano a comportamenti e a sentimenti estranei alla nostra vera identità.Poichè i “segreti” della famiglia, le vicende nascoste, i fatti occultati, le storie falsate possono essere ujn forte destabilizzatore del sistema familiare, un membro della famiglia si farà carico di impersonare questi segreti, anche vivendo un destino difficile, affinchè vengano alla luce, permettendo loro di trovare una buona soluzione.

La modalità pratica consiste nel far rappresentare la famiglia del soggetto da alcune persone, maschili e femminili, scegliendo i rappresentanti dei vari membri familiari.

Il soggettosceglie tra i presenti ipersone che rappresentino i membri della famiglia. Chiarito in breve il problema del soggetto, il terapeuta pone una domanda al gruppo che rappresenta la Costellazione, affinchè tutti i rappresentanti vi si focalizzino e cerchino di la buona soluzione. Il soggetto dispone i rappresentanti nello spazioin relazione l’uno con l’altro secondo l’immagine che ne ha.I posti che occupano, permettono di di individuare ilegami nascosti e i segreti irrilevati , che costituiscono motivo di gioia e benessere, o malattia e disgrazia.Il soggetto si siede e osserva. secondo il posto che occupano, i rappresentanti possono assecondare le dinamiche spontanee e portare alla luce il vissuto emotivo.

In modo spontaneo o, a volte, per intervento del terapeuta, in sintonia co le forze che guidano il campo, le persone si spostano di posizione in modo graduale e misurato. Quando viene trovatoa la disposizione più rispettosa e giusta che risconiosce il ruolo a ciascun partecipante, le tensioni svaniscono e si crea uno stato collettivo di calma e di pace. La riconciliazione con i familiari esclusi e la reintegrazione dei dimenticati nel nucleo della famiglia creano serenità con se stessi, con i congiunti e con tutti gli altri, riequilibrando ogni aspetto della vita.

Esiste una dimensione di consapevolezza che tutti condividiamo. Tutti siamo partecipi di un campo comune. Gli attori frequentemente hanno percezioni e comportamenti simili alle persone rappresentate anche se non hanno ricevuto alcuna informazione sulla famiglia.Sembra esserci un’anima familiare,che unisce e collega i vivi e i morti e che si estende anche a mmembri esterni alla famiglia stessa ( amanti segreti, partner precedenti, coloro che hanno sofferto per i vantaggi della famiglia, vittime di violenza o omicidio commesso da un qualsiasi membro della famiglia.

Si creano delle prioritrà: 1) l’amore per la famiglia- che mantiene l’unità anche in caso di drammi molto forti

2) l’equilibrio e compensazione- impulso a riacquistare le vincite e le perdite attraverso le generazioni- (qualcuno ha guadagnato a spese di un altro?i suoi discendenti ne p’agheranno i debitifinchè l’equilibrio sia compensato)

3)l’ordine di precedenza: ogni menmbro ha diritto di appartenenza alla famiglia: un discendente potrebbe assumersi la colpa o sacrificare la propria vita per prevenire la morte di un avo-genitore.

4)l’integrità: un successore può incarnare un predecessore escluso o dimenticato, per onorarne la presenza e ristabilirne il posto in seno alla famiglia.

Questi fenomeni familiari sono essenziali per trovare una soluzione ai problemi del soggetto: al terapeuta spetta il compito di creare una connessione con le forze e le connessioni che stanno oltre la sua famiglia. (La sintesi della metodologia di Hellinger è tratta da”Le riflessoterapie dell’Ultrasensibile di G.Michele Ferrero, 2007)

IPNOSI REGRESSIVA DI B.WEISS

Il dott.Weiss , psicoterapeuta americano, è noto per la sua metodologia: curare i pazienti con la regressione ipnotica.

L’ipnosi regressiva è un particolare tipo di ipnosi che si propone di riportare il soggetto indietro nel tempo per richiamare alla sua mente eventi o situazioni traumatiche che, anche se rimossi dal campo della coscienza, possono influenzare negativamente la vita attuale. Far rivivere tali eventi o situazioni permette spesso al soggetto di rielaborarli, integrandoli così nella propria personalità attuale. Nelle sue ultime esperienze terapeutiche , Weiss,oltre la regressione nel passato,mette in pratica la preregressione, ovvero la visione del paziente di ipotetici futuri , che potrebbero verificarsi come conseguenza di determinate scelte comportamentali nel presente.( vedi B.Weiss: “Molte vite, un’anima sola”).

 

Comments are closed.